Borgo Treviso 22, 35013 Cittadella (PD) Tel: +39 049 5970020 Email: info@abopportunity.it

Responsabilità e Prevenzione – Il decreto legislativo n. 231/2001

Responsabilità e Prevenzione – Il decreto legislativo n. 231/2001
28 Dicembre 2018 Pier

28 Dicembre 2018

Responsabilità e Prevenzione – Il decreto legislativo n. 231/2001

Scarica la brochure:

Corso Modello 231 - Materiale informativo - Evento Treviso

 

Il decreto legislativo n. 231/2001 ha introdotto, nel nostro ordinamento, una nuova ed autonoma responsabilità amministrativa da illecito penale, con riferimento al modello di organizzazione, gestione e controllo.

Detta responsabilità risulta essere direttamente a carico di enti e società e prevede diverse sanzioni per reati, siano essi commessi o tentati da soggetti che all’interno della struttura organizzativa, svolgono funzioni di direzione, gestione, amministrazione.

Essa perciò si rivolge ad amministratori, componenti del consiglio di gestione, membri del comitato esecutivo, dirigenti o dipendenti che svolgono i propri doveri a vantaggio o nell’interesse dell’ente o della società.

Il novero di reati in relazione ai quali opera l’imputazione dell’ente o della società a norma del decreto n. 231 del 2001 comprende molte fattispecie e, a seguito di successivi interventi normativi, si è andato via via espandendo arrivando a ricomprendere, fra gli altri, i seguenti reati:

– reati contro la pubblica amministrazione;

– delitti informatici e trattamento illecito di dati;

– reati societari;

– reati informatici;

– reati commessi con finalità di terrorismo e/o criminalità organizzata;

– reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime commessi in violazione delle norme poste a tutela dell’igiene e della salute sui luoghi di lavoro;

– reati ambientali;

– riciclaggio, ricettazione e impiego di denaro, beni e utilità di provenienza illecita;

– delitti contro l’industria e il commercio.

 

Le sanzioni previste per la società o l’ente ai sensi di questa normativa sono incisive e molteplici e possono così riassumersi:

– sanzione pecuniaria (basata su un sistema di quote, stabilite dal magistrato di volta in volta)

– sanzioni interdittive (tra cui il divieto di svolgere l’attività lavorativa, sospensione o revoca di autorizzazioni, licenze e concessioni, divieto di contrarre con la pubblica amministrazione, esclusione da agevolazioni, contributi e sussidi, divieto di pubblicizzare beni o servizi);

– sanzioni accessorie (quali la pubblicazione della sentenza di condanna e la confisca di somme equivalenti al valore del profitto tratto dall’illecito penale).

Per non incorrere in responsabilità ai sensi e per gli effetti della normativa sopracitata l’ente o la società deve dimostrare:

– in primis di aver adottato ed attuato un valido modello di organizzazione, gestione e controllo (il modello 231 per l’appunto) volto a prevenire la commissione di quei reati;

– di aver istituito un organismo di vigilanza incaricato di far rispettare il modello 231;

– che l’organismo sia correttamente e regolarmente funzionante;

– che il reato non sia stato commesso con elusione fraudolenta del modello231

– che non vi sia stata omessa o insufficiente vigilanza da parte dell’organismo.

 

Il modello 231 consiste quindi in un insieme di vari elementi (disposizioni organizzative e procedimentali, di controllo, di sicurezza, di supporto, codici di comportamento) che compongono un vero e proprio sistema di gestione preventiva dei rischi aziendali.

L’adozione del modello comporta, perciò, un miglioramento dell’efficacia e della trasparenza del funzionamento dell’ente o società interessati, prevenendo fenomeni di opacità informativa, possibili corruzioni e utilizzi impropri della struttura dell’ente o dell’impresa per fini illegali, contribuendo, perciò, alla diffusione di una cultura della legalità negli enti e nelle imprese.

In definitiva, sulla base della spinta degli interventi normativi e delle pronunce giurisprudenziali, il modello 231 è diventato uno strumento necessario per l’efficiente conduzione ed il controllo dell’attività d’impresa, sia essa di matrice pubblica o privata, per la promozione della cultura della legalità e, conseguentemente, per la tutela di patrimonio e attività dell’ente o dell’impresa.

 

Clicca qui per approfondire e visita la pagine dedicata al Corso D.Lgs. 231/01 organizzato da ABO Corsi

Scarica la brochure:

Corso Modello 231 - Materiale informativo - Evento Treviso

 

Per Info:
A.B.O. Around Business Opportunity
Tel. 049 59 700 20
Mail: corsi@abopportunity.it

Con il Patrocinio di:

In Collaborazione con:

× Come possiamo aiutarti?